Yerevan (Armenia)

“Ma dove si trova l’Armenia?!”

è stata la domanda che mi è stata fatta non so quante volte quando ho detto che sarei andato in Armenia per vedere la partita dell’Italia.

Quando a dicembre il sorteggio sul tabellone riportava Armenia vs Italia ero felicissimo di poter andare in Armenia non essendo una meta molto turistica e poco conosciuta.

Le mie mete preferite!

Eccomi così subito su skyscanner con un bel pò di mesi in anticipo.

Volo Bari – Mosca diretto(!) 3 ore di volo in perfetto orario con la compagnia aerea S7 Airlines. Scalo a Mosca di 5/6 ore e volo all’alba Mosca- Yerevan di altre 3 ore circa. Tutto in perfetto orario e confort.

Sottolineo il fatto che all’aeroporto di Bari, sia addetti al check in che la polizia di frontiera non conoscevano i documenti di viaggio necessari per l’Armenia e abbiamo dovuto ribadire più volte che non ci voleva il visto ne per lo scalo in Russia ne per l’Armenia… più volte ci è stato detto che non avevamo i requisiti per partire mentre era in corso l’imbarco quindi immaginate l’ansia mia e del mio amico Fabio nonostante fossimo sicuri di essere in regola con tutto.

I controlli all’aeroporto di Mosca veramente minuziosi ma senza troppe domande su documenti e il resto.

Arrivando all’aeroporto di Mosca Domodedovo e invece al ritorno con scalo a Mosca Sheremetyevo ho potuto completare così di vedere gli altri due aeroporti di Mosca visto che ero stato due anni prima all’aeroporto di Mosca Vnukovo. L’aeroporto M. Sheremetyevo mi è piaciuto di più per il fatto che l’aerea transiti era ben organizzata.

L’aeroporto di Yerevan è davvero un aeroporto bello, abbastanza grande e luminoso. Bar, change, bagni puliti, aerea taxi tutto ben organizzato.

In aeroporto abbiamo cambiato 50 euro al change (cambio 1 euro a 525 dram) e con un taxi ci siamo diretti in Piazza della Repubblica.(circa 15 minuti).  Erano le 07 del mattino quindi praticamente ancora non c’era ne traffico ne persone in giro, abbiamo dovuto aspettare almeno le 08 per fare colazione in un bar.

Fin da subito la città mi è sembrata davvero interessante, abbastanza pulita e facile da visitare.

L’appartamento prenotato sempre su Booking era in centro, la palazzina non era granché dall’esterno…ma l’appartamento era grande e ben pulito.

Abbiamo visto il Tsitsernakaberd, con il museo gratuito sul genocidio armeno poi la “Cascata” una scalinata..carina… una volta raggiunta la vetta c’è una bella vista.

Ci siamo spostati con il taxi e i prezzi erano davvero economici. In centro invece ci si sposta a piedi.

Sempre con il taxi in circa un’oretta e dopo aver pagato una decina di euro…siamo arrivati a Khor Virap, è uno dei più importanti monasteri armeni, nei pressi del confine con la Turchia.

Vi consiglio di andarci! il viaggio per arrivarci è interessante, dal finestrino potrete vedere paesaggi, villaggi molto interessanti.

Nota dolente… ho notato che gli armeni guidano “a cavolo” per carità non me ne vogliano gli amici armeni, sicuramente non tutti, ma non so quanti incidenti e macchine tamponate ho visto per strada nonché i taxi che guidavano tipo in Gran Premio della Formula 1.

Arrivato il giorno della partita. ci riuniamo con gli altri ragazzi della Nazionale in un bar in centro..siamo circa una quarantina…a due ore dall’inizio della partita, scortati da due poliziotti, raggiungiamo a piedi lo stadio cantando l’inno nazionale con l’incredulità delle persone in giro che immortalano l’evento con foto e video.

Lo stadio (mi sembrava di essere ritornati negli anni 90, senza tornelli/telecamere)…è praticamente sold out, noto che sia in tribuna che in curva ci sono gli ultras che sostengono senza mai fermarsi la loro squadra. Fa caldo e dopo essere andati in svantaggio, l’Italia riesce a ribaltare il risultato e a portare a casa 3 punti fondamentali per la qualificazione.

A fine partita, affamati raggiungiamo un ristorante niente male con cucina tipica armena e qualche birra.

Il volo per Mosca per poi raggiungere Helsinki è all’alba quindi rimaniamo al bar tutta la notte.

Yerevan mi è piaciuto molto, è sicuramente una meta poco turistica ma secondo me crescerà nei prossimi anni. Di turisti ne ho visti in giro, i locali hanno quasi tutti il menù anche in inglese, i camerieri conoscono abbastanza bene l’inglese…i prezzi sono interessanti e c’è un bel il rapporto qualità/prezzo.

Al prossimo viaggio!

Settembre 2019

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Helsinki e Tallinn (Finlandia-Estonia)

Finlandia vs Italia qualificazioni per gli Europei proprio il giorno del mio 30 compleanno (8 settembre) come faccio a perdermela!?

La tappa Armenia – Finlandia – Estonia è un viaggio organizzato e pianificato da gennaio con tanta attesa anche perché avrei visto, in una settimana di viaggio, ben tre nazioni diverse oltre al fatto che avrei festeggiato il mio compleanno all’estero.

Arrivo ad Helsinki direttamente da Yerevan, con scalo a Mosca, dopo aver visto la partita Armenia vs Italia (parlo del viaggio in Armenia in un altro articolo…)

Il volo con Aeroflot è stato davvero piacevole, aerei nuovi e partenza in orario. Pensavo di non trovare molta gente in volo ma devo ricredermi perché nonostante la partenza dell’aereo fosse programmata alle 05:30 è praticamente pieno di gente.

N.B volo Yerevan – Mosca 3 ore, scalo 3 ore, volo Mosca – Helsinki 2 ore

Appena atterrati ad Helsinki capisco bene come sia l’estate finlandese… passiamo dai 25 gradi di Yerevan a 15° della capitale finlandese con cielo grigio e pioggerellina.

In 30 minuti di treno (4,60 euro) arriviamo in stazione centrale e dopo aver fatto un buon pranzo ci dirigiamo verso l’appartamento prenotato tramite Booking.

Dopo aver lasciato le valigie, iniziamo il nostro tour in giro a piedi per Helsinki, non c’è molta gente in giro e capisco bene il motivo…sono le 19:30 e c’è gente che è già a cena.. come si vuol dire “giù da noi si mangia tardi” e, per me e buona parte della popolazione del sud italia.. le 19:30 è un orario inusuale per mangiare ma, ad Helsinki la maggior parte dei ristoranti la cucina chiude alle 22:00

Insieme a me e Fabio c’è la mia ragazza, mia sorella e il suo ragazzo che mi hanno raggiunto ad Helsinki per festeggiare insieme il mio compleanno.

Andiamo così in un locale a mangiare, prenotando un tavolo tardi alle 21:00 infatti alle 22:00 non c’era più nessuno a tavola. La cena è stata davvero molto buona, abbiamo provato di tutto! antipasti di carne e formaggi, polpette di renna, carne di orso(!) i prezzi non sono bassi ma valeva la pena provarli.

Per aspettare la mezzanotte, ci dirigiamo nella zona porto dove troviamo un locale dove c’è una serata karaoke, il locale non è molto grande ma è stracolmo di gente che si diverte e beve. Conosciamo anche un paio di ragazze finlandesi che avendo sentito parlare italiano ci chiedono se volessimo cantare con loro una canzone in italiano… accettiamo ma tra un cocktail e un altro ci rendiamo soltanto dopo che il nostro turno è saltato.

è mezzanotte! Sono arrivati i fatidici 30 anni anche per me! 

La mattina seguente giriamo per Helsinki a piedi e con il monopattino elettrico, davvero divertente! si paga facilmente con l’app, in realtà non è che ci sia molto da vedere in centro… qualche Chiesa che non mi ha entusiasmato più di tanto.

Nel pomeriggio io e Fabio prendiamo il treno per Tampere (2 ore, 30 euro a/r, http://www.vr.fi ) treno in 2′ classe niente male! wifi gratis, presa elettrica sedili comodi…non oso immaginare cosa ci fosse nella 1 allora!

A Tampere ci riuniamo con gli altri ragazzi italiani, piove e fa freddino.. dalla stazione centrale allo stadio ci vogliono 10 minuti a piedi..lo stadio non è molto grande e siamo circa 150 italiani nel settore.

La partita finisce 1-2 per noi! rientriamo così a Helsinki alle 3 di notte.

La mattina seguente ci aspetta il traghetto per Tallin (2 ore, 30 euro – il prezzo varia dagli orari e ho prenotato online sul sito http://www.directferries.it)

Dal porto di Tallin al centro ci si mette 15 minuti a piedi ed è stata una passeggiata piacevole tenendo conto anche del tempo buono con un bel sole caldo.

L’appartamento prenotato sempre su Booking è davvero molto bello e si trova praticamente in centro.

Tallin è davvero graziosa, non molto grande come città e si gira tranquillamente a piedi. Diciamo che in un giorno e se si ha la voglia di camminare, si riesce a vedere per bene la città.

Come sempre, ho utilizzato  Google con il classico metodo di ricerca…“cosa vedere a Tallinn” 

Il mattino seguente ci aspetta un volo Tallin – Milano Malpensa con easyjet in orario e dopo uno scalo di 5 ore…il volo Milano M. – Brindisi con 2 ore di ritardo….

Al prossimo viaggio!

Settembre 2019

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

Blog su WordPress.com.

Su ↑